…Trilli…
La mia piccola isola che non c'è

TuTtO uN pO’

 

Wonderland – La filastrocca

 

C’era un passaggio che oltre portava, una porta bizzarra, un vecchio portone,

assi di legno cardini antichi e un grande e curioso pomello d’ottone. Tutti passavano pochi restavano, molti sentivano ma non ascoltavano.

Troppi vedevano, molti guardavano, vacui scrutavano ma non osservavano.

Questa è la storia più volte narrata del passaggio nel muro che nessuno trovava.

Questa è la storia più volte sepolta della soglia varcata che nessuno esplorava.

C’era un passaggio che oltre portava a un passo dal mondo, due passi dal nostro,

il fiore e la giostra, la tomba che urlava:un mondo sperduto lontano dal vostro.

Sempre saremo sorelle legate. Noi siamo le Storie, lasciate e trovate, scritte e impreviste, sognate e cantate, lette e mai viste, sentite e spiate.

Questa è la storia , della Storie vicenda, dell’universo nascosto che nessuno scriveva.

Questa è la storia, la sghemba leggenda di un luogo non luogo che oltre il passaggio esisteva.

C’era un passaggio che oltre portava e invero c’è ancora, puoi vederlo da te.

Non far domande, non saranno risposte. Alle Storie di qui, non chieder perché.

Corri sul filo e naviga il prato, nera la scala che porta al tuo amato. Mangia con gli occhi e vedi col cuore, chiudi la finestra o riderai molte ore.

Non ti sedere la sedia già dorme. Tre lati ha il quadrato, non parlare alle forme.

Un mondo si spiega aldilà del portone un carillon che suona è la nostra magione.

Se credi ai tuoi occhi, sei qui per restare. Il nostro è il tuo mondo, dovrai Raccontare.

Questa è la storia di quel viaggiatore e del passaggio nel muro che aveva varcato.

Questa è la storia di quel mondo perduto e della voce narrante che l’aveva svelato.

C’era un passaggio che oltre portava, sii benvenuto, ma in silenzio cammina.

Narra, racconta ed esplora le storie: sogna viandante, la notte è vicina.

Sii prudente ma alla follia incline, rimembra l’inizio e scorda la fine. Se sei il viaggiatore e la soglia hai varcato, scoprirai che questo mondo la tua storia ha già narrato.

Questa è la storia più volte narrata, di Wonderland e del narratore che dall’altro mondo era venuto.

Questa è la storia, più volte sepolta, di una sghemba storiella, in cui, se vorrai sarai benvenuto.

 

______________________________________________________

 

Sei il momento trascorso, l’occasione fuggita

il sogno interrotto al risveglio

Sei lo sguardo al passato

e il rimpianto dei capelli nel vento

Tu sei il cammino non fatto

la notte passata ad attendere

il vino nel calice inutile, perché senza brindisi

Sei il pianto sommesso ed urlato

Sei la mia scommessa perduta.

 _______________

  

“Caro mondo ti scrivo vergognato dal campo della morte, nemmeno parafrasando Dante si può riuscire ad inventare..”il lavoro rende liberi”
Un’agonia infernale da cui neanche chi sopravvive, riuscirà ad essere vivo.”
 

_______________________________________________________________

 

“I videogiochi non influenzano i bambini. Voglio dire, se Pac Man avesse influenzato la nostra generazione ora staremmo tutti saltando in sale scure, masticando pillole magiche e ascoltando musica elettronica ripetitiva.”(CIT. Marcus Brigstocke)

__

….essere una donna vivace,loquace, morbidissima,prodiga di diminutivi infantili e di risa scampanellanti,facile alle tenerezze improvvise, alle malinconie subitanee, alle rapide ire…

___________________________________________________________

 

E naturalmente dovrai attraversarla, quella violenta tempesta di sabbia. E’ una tempesta metafisica e simbolica, lacera la carne come mille rasoi. Molte persone verseranno il loro sangue, e anche tu forse verserai il tuo. Sangue caldo e rosso. Che ti macchierà le mani. E’il tuo sangue, e anche il sangue degli altri.

Poi quando la tempesta sarà finita, probabilmente non saprai neanche tu come hai fatto ad attraversarla e a uscire vivo. Anzi, non sarai neanche sicuro che sia finità per davvero. Ma su un punto non c’è dubbio. Ed è che tu, uscito da quel vento, non sarai lo stesso che vi era entrato. Sì, questo è il significato di quella tempesta di sabbia. (pag 6, Kafka sulla spiaggia – Haruki Murakami)

 

__________________________________

 

VORREI….. MA….

Vorrei non amarti…
ma non riesco.
Vorrei non sentirti…
ma poi starei in ansia.
Vorrei n
on vederti…
ma sei sempre davanti a me.
Vorrei non desiderarti…
ma è stupendo desiderarti.
Vorrei averti al mio fianco…

ma …ma…ma….
c’è sempre un MA…

Il cuore decide da solo
e il pensiero vola alto..
Tienimi con te tra le tue braccia…
Sento gia’ il profumo della tua pelle.
il contatto delle nostre mani
intrecciate…
Riscoprirsi…
dopo tanto tempo…
i nostri corpi vicini…
il tuo respiro ansimante…

le tue carezze d’amore..
sono il premio a cui aspiro…
Lentamente stringo
le tue mani…
poi…
ricominciamo….
Ma…. è tutto un sog
no.

 

  Sulla luna, per piacere, /non mandate un generale:
ne farebbe una caserma / con la tromba e il caporale.
Non mandateci un banchiere / sul satellite d’argento,
o lo mette in cassaforte / per mostrarlo a pagamento.

non mandateci un ministro / col suo seguito di uscieri:
riem
pirebbe di scartoffie / i lunatici crateri.

Ha da essere un poeta / sulla luna ad allunare:
con la testa nella luna / lui da un pezzo ci sa stare…
a sognar i più bei sogni / è da un pezzo abituato:
sa sperare l’impossibile / anche quando è disperato.

Or che i sogni e le speranze / si fan veri come fiori,
sulla luna e sulla terra / fate largo ai sognatori!

“Sulla luna”, Gianni Rodari_______________________________

Annunci

Nessuna Risposta to “TuTtO uN pO’”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: