…Trilli…
La mia piccola isola che non c'è

PoeSie D’aMoRe DeL NoVeCeNTo

ATLANTE

Davanti a te la mia anima è aperta

come un atlante: puoi seguire con un dito

dal monte al mare azzurre vene di fiumi,

numerose città,

traversare deserti.

Ma dai miei fiumi nessuna piena ti minaccia,

le mie città non ti assordano con il loro clamore,

il mio deserto non è la tua solitudine

E dunque cosa conosci?

Se prendi una penna, puoi chiudere in un cerchio esattissimo

un piccolo luogo montano, dire: “Qui fu la battaglia,

queste sono le sue silenziose Termopili”.

Ma tu non sentisti la morte distruggere la mia parte regale,

né salisti furtivo

col mio intimo Efialte per un tortuoso sentiero.

E dunque cosa conosci?

Margherita Guidacci

_____ _____________________________________________________ _____

SVEGLIAMI, TI PREGO, SUCCEDE ANCORA

Svegliami, ti prego, succede ancora

d’implorare in un sogno a questa tenera

età, aiutami, fa’ che non sia vera

l’oscena materia del buio. Sfiora

allora davvero una mano il mio

corpo assiderato e di colpo so

d’averti chiamata e che non saprò

più niente.

Giovanni Raboni

_____ _____________________________________________________ _____

PENSIERO

I miei pensieri sono le mie puttane

All’alba

penso a te

penso con le dita

penso a te carezza

con le dita dell’alba

*

all’alba

sole sulla tua bocca

luce nei tuoi capelli

orlo del pensiero

il desiderio rovesciato nella tua voce

nella trasparenza dell’alba

sulla tua pelle

come un veliero

il desiderio velato

e la seta sgualcita del sonno

nella trasparenza dell’alba

nella trasparenza dell’alba

la rosa

e la memoria

e la musica con le dita

*

all’alba mi quaglia

all’alba nel tuo collo

e la stella madreperlata che fugge

il calore che si sveglia

nell’aspro rosa

e sui tuoi seni

sotto la mia bocca

il desiderio madreperlato

la rosa del sole

all’alba

mobile

desiderante

ampia e pesante come un’onda

ti volti verso di me

e il pensiero vermiglio.

MARCELIN PLEYNET

_____ _________________________________________ _____

Con un filo d’oro

Con un filo d’oro

la vorrei a me legare

Poi, come prova d’amore,

la vorrei per sempre liberare.

VIVIAN LAMARQUE

_____ _______________________ _____

CREDEVO NON MI AMASSE

Credevo non mi amasse

Perché è vietato

forse invece non mi ama

Perché non è innamorato.

VIVIAN LAMARQUE

_____ ____________________________ _____

Questa follia così leggera

Questa follia così leggera

pesa come una montagna

verso sera.

Vivian Lamarque

_____ _________________________ _____

LA NOTTE SCENDE

La notte scende

siamo lontani di cuscini

ma di anime

siamo vicini

Vivian Lamarque

_____ ______________________ _____

Annunci

Nessuna Risposta to “PoeSie D’aMoRe DeL NoVeCeNTo”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: